maranello oggi
ULTIMA EDIZIONE DEL TG
 

Complesso di via Cappella, presto i lavori per realizzare sei alloggi per persone fragili

Complesso di via Cappella, presto i lavori per realizzare sei alloggi per persone fragili

giovedì 25 febbraio 2021
di Eleonora Alboresi

Approvato nei giorni scorsi il progetto esecutivo per la rigenerazione del fabbricato di via Cappella, che verrà trasformato in un condominio sociale immerso nel verde. L’operazione coinvolge l’edificio conosciuto come “Fattoria del Parco”, di proprietà del Comune da quando l’Opera Pia Stradi lo ha donato all’amministrazione, e attualmente ospita un agriturismo e una fattoria didattica. Il piano di interventi prevede la riqualificazione energetica e antisismica per la realizzazione di alloggi in co-housing per persone fragili. Il modello di social housing punterà ad accompagnare gli ospiti verso una maggiore autonomia, condividendo il momento dei pasti e tante altre attività volte alla socializzazione. Nei mesi scorsi tramite gara la realizzazione dei lavori e la gestione della struttura era stata affidata alla cooperativa Gulliver, ora titolare dei lavori. L’intervento, che prevede una spesa complessiva di 820mila euro, verrà cofinanziato dalla Regione per 574mila euro e i lavori dureranno circa 18 mesi. L’aspettativa è che l’edificio sarà pronto entro il luglio 2023. “Sarà un’occasione – ha commentato il sindaco Luigi Zironi – per recuperare uno stabile in gran parte sottoutilizzato affinchè la collettività possa usufruire delle sue potenzialità. L’intenzione è quella di costruire assieme ai futuri ospiti un percorso che li aiuti a superare alcune difficoltà e a ripartire”. Nel progetto sono comprese anche la piantumazione di circa 200 alberature, l’istallazione di una serra da giardino e la sistemazione del percorso naturalistico “Fabrizio De Andrè”. “Siamo molto soddisfatti dell’operazione – ha concluso l’assessore ai lavori pubblici Chiara Ferrari – perché andrà a valorizzare un edificio che fa parte del nostro patrimonio e porterà alla realizzazione di sei alloggi: quattro al primo piano e altri due al piano soppalcato, ognuno idoneo per una persona e attrezzato per le categorie più fragili”.