maranello oggi
ULTIMA EDIZIONE DEL TG
 

Asciugastiratrice venduta con parametri falsi: l’indagine dei carabinieri

Asciugastiratrice venduta con parametri falsi: l’indagine dei carabinieri

sabato 13 marzo 2021

Una macchina asciugastiratrice venduta in tutta Italia con parametri falsi. A scoprire la truffa ai danni dello stato da parte di un’azienda di Villorba di Treviso è stato il Nucleo Antricrimine dei carabinieri di Sassuolo. Si è occupato della vicenda lo studio legale “Ius Iuris” dell’avvocato Monica Vandelli di Maranello, a cui si è rivolto Michele Bovina, che per un periodo di tempo era stato agente di vendita dell’asciugastiratrice "Agendo Professional", commercializzata dalla ditta "House to house" ma di provenienza slovena. Bovina, dopo aver ricevuto segnalazioni da parte dei clienti, decise di smontare il prodotto con l’aiuto di un tecnico e dalle verifiche scoprirono che la certificazione A+ attribuita all’asciugastiratrice non poteva esserci essendo le caratteristiche, di fatto, tra la C e la B. Dopo la segnalazione da parte dell’avvocato Vandelli ai carabinieri di Sassuolo, competenti per la zona di Maranello, è scattato un iter che ha portato a scoprire il reato di frode allo stato per centinaia di migliaia di euro (sono stati venduti oltre 11 mila pezzi in tutta Italia). Dalla procura di Treviso è poi partita la seconda parte di indagini. Contemporaneamente l'avvocato Vandelli ha inviato un carteggio alla AGCM, autorità garante della concorrenza e del mercato, che ha appurato la veridicità delle accuse da parte di Michele Bovina ed ottenuto le prime due condanne, di carattere amministrativo, per la "House to House”. Il 18 febbraio è scatta la richiesta di rinvio a giudizio da parte della procura della Repubblica di Treviso nei confronti dell'azienda, del titolare e di colui che ha redatto la certificazione.