maranello oggi
ULTIMA EDIZIONE DEL TG
 

Villa confiscata alla ‘Ndrangheta, lavori finiti: ancora aperto il bando per la gestione

Villa confiscata alla ‘Ndrangheta, lavori finiti: ancora aperto il bando per la gestione

mercoledì 6 ottobre 2021
di Eleonora Alboresi

Un sopralluogo da parte della giunta comunale nella villa di Fogliano confiscata alla criminalità organizzata dove entro un anno sorgerà un “room&breakfast” che darà lavoro a donne in condizioni di fragilità o vittime di violenza. La visita di questa mattina ha dato modo all’amministrazione di vedere l’andamento dei lavori e la conclusione del secondo stralcio. Ancora aperto il bando per l’affidamento della gestione della struttura ricettiva ad una cooperativa sociale, un’organizzazione di volontariato, un’associazione di protezione ambientale o a una comunità. Se la scadenza del bando è fissata al 14 ottobre, nel frattempo è arrivata la conferma ufficiale di un nuovo contributo regionale di 40mila euro per potenziare il progetto “Orme di legalità – Sui passi delle donne coraggiose” che sta coinvolgendo 10 donne in difficoltà residenti nel Distretto ceramico. Obiettivo del corso, realizzato in sinergia con la Scuola Alberghiera e di Ristorazione IAL di Serramazioni, offrire alle future dipendenti del room&breakfast una formazione ottimale sotto ogni punto di vista. Grazie a questo ennesimo contributo regionale, le donne potranno ampliare ulteriormente le proprie competenze ed essere formate anche per la gestione di un servizio di catering esterno alla struttura. “E’ un progetto che va oltre il valore simbolico, pur ben presente – ha sottolineato il sindaco Luigi Zironi -, perché offre a dieci donne un’opportunità di lavoro dopo aver vissuto esperienze traumatiche, fatte di disagio o fragilità. Per loro questo impiego rappresenta una possibilità di reinserimento sociale, un punto dal quale ripartire per conquistare un’indipendenza e ritrovare fiducia in se stesse. E credo che la prospettiva di favorire una svolta concreta e tangibile nella vita di queste persone sia davvero la cosa più importante dell’intero progetto”.