maranello oggi
ULTIMA EDIZIONE DEL TG
 

Zanzara tigre: dall’AUSL consigli per il contrasto alla proliferazione

Zanzara tigre: dall’AUSL consigli per il contrasto alla proliferazione

mercoledì 11 maggio 2022

È attivo il piano regionale di sorveglianza e controllo delle arbovirosi, incentrato sulle attività di contrasto alle zanzare, a partire da quelle tigre, per ridurne la densità di popolazione sul territorio. L’AUSL di Modena ricorda alcune azioni ed accorgimenti utili per ridurre la proliferazione della zanzara tigre. È importante non lasciare all’aperto qualsiasi tipo di contenitore in cui possa raccogliersi l’acqua piovana, procedendo il prima possibile allo svuotamento dei ristagni nel terreno; effettuare gli interventi larvicidi in tombini, caditoie, griglie di scarico, pozzetti di raccolta delle acque meteoriche, anche quelli presenti negli scantinati e in parcheggi sotterranei; tenere puliti i cortili e le aree all’aperto da erbacce, sterpi, e rifiuti di ogni genere; svuotare le fontane e le piscine non utilizzate o eseguire gli adeguati trattamenti larvicidi. Tra le azioni da effettuare regolarmente almeno fino a settembre, anche quella di evitare che si formino raccolte d’acqua in aree di scavo, bidoni, pneumatici, e altri contenitori, che devono essere dotati di copertura ermetica o di reti a maglie fitte. Nei cimiteri riempire di sabbia umida i vasi, anche se contenenti fiori finti. Categorie professionali come i conduttori di serre, vivai ed esercizi di commercio di piante e fiori sono tenuti ad attuare una lotta antilarvale che permetta di contrastare la proliferazione delle specie di zanzare già presenti sul territorio e l’introduzione di quelle esotiche. I trattamenti con adulticidi sono considerate azioni straordinarie ad esclusiva valenza sanitaria. L’AUSL ricorda che esiste l’app "ZanzaRER", che fornisce consigli e informazioni utili per la lotta alle zanzare e dà la possibilità di registrare gli interventi con larvicidi effettuati con un aggiornamento automatico del calendario delle ripetizioni. Sul sito dell’AUSL, poi è disponibile una pagina informativa (www.ausl.mo.it/dsp/zanzara). Inoltre sarà ancora proposto il progetto “Adotta una scuola”, che si pone l’obiettivo di creare zone cuscinetto nelle aree in cui sono presenti asili nidi, scuole dell'infanzia e scuole primarie, a protezione dei bambini e dei loro familiari, specialmente i nonni che sono certamente soggetti con il più alto rischio di conseguenze gravi causate dalle arbovirosi. In queste aree, i residenti sono invitati, anche tramite interventi porta a porta effettuati da operatori comunali locali, a effettuare regolarmente i trattamenti larvicidi necessari a limitarne la proliferazione e a prestare attenzione ai ristagni d'acqua nelle aree private.