maranello oggi
ULTIMA EDIZIONE DEL TG
 

Inaugurata la rinnovata sede del Centro Ceramico a Sassuolo

Inaugurata la rinnovata sede del Centro Ceramico a Sassuolo

venerdì 4 novembre 2022

Taglio del nastro ieri mattina per la rinnovata sede del Centro Ceramico che si trova a Sassuolo in via Valle d’Aosta 1. La nuova sede si sviluppa su tre piani (per oltre 1.200 metri quadrati) e può contare su laboratori per le prove tecnologiche, fisiche, meccaniche, chimiche svolte su prodotti finiti, materie prime naturali e di riciclo. Per il momento inaugurale erano presenti il direttore del centro prof.ssa Maria Chiara Bignozzi, il presidente del centro Roberto Fabbri, il presidente di Confindustria Ceramica Giovanni Savorani, l’assessore regionale allo sviluppo economico Vincenzo Colla, i rettori dell’Università di Bologna e di Modena e Reggio Emilia rispettivamente Giovanni Molari e Carlo Adolfo Porro, il sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani. “Da oggi inizia un nuovo percorso di crescita che va nella direzione di fornire sempre più servizi, assistenza tecnica, consulenze e trasferimento tecnologico alle imprese ceramiche del distretto – ha detto il presidente Roberto Fabbri -. La rinnovata struttura rafforza la presenza del Centro Ceramico nel distretto, mantenendo saldi i legami con l’Università di Bologna grazie alla creazione di un laboratorio congiunto con il Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali (DICAM)”. La professoressa Maria Chiara Bignozzi ha sottolineato come la nuova sede consenta al centro di ampliare gli ambiti di intervento delle sue attività: “che vanno dalla ricerca applicata, alle consulenze per le aziende, ai servizi di prove per certificazioni, alla progettazione di attività tailor made, come la messa a punto di nuovi metodi di prova e/o assistenza in controversie”. “In questo rinnovato assetto – ha aggiunto la professoressa Bignozzi -, il Centro Ceramico è inoltre pronto a cogliere la sfida dei progetti PNRR e dei prossimi bandi regionali PORFESR, in collaborazione con gli altri enti di ricerca regionali con cui collabora da sempre”.